lunedì 15 ottobre 2012

Robert Doisneau


     In attesa della tremenda alluvione preannunciata per ieri sul tardi - poi spostata a oggi, no stasera, anzi no stanotte - che pare debba colpire Roma (Alemanno si sta allenando da Noe' per imbarcare i romani due a due), dunque ieri sono andata a vedere la mostra di Robert Doisneau, fotografo parigino di cui tutti credo conoscano la foto sopra.

Le circa 200 foto esposte colgono gli abitanti di Parigi dagli anni '40 fino ai primi '90, nelle pose più naturali, adulti, ragazzi e bambini e poi gli animali, i viali lungo la Senna, i negozi di quadri e il mercato di Les Halles, le espressioni rubate al pubblico che sfila davanti alla Gioconda, i celebri ateliers di Christian Dior e Yves Saint Laurent on le indossatrici, Georges Simenon e Juliette Binoche (Chocolat), ecc. ecc.
Al Palazzo delle Esposizioni fino al 3 febbraio, poi la mostra andrà a Milano.
   
Per chi ama il bianco e nero e la magica atmosfera rétro,  ma soprattutto per chi apprezza ancora la dote dell'umanità.
 
 
"Quello che io cercavo di mostrare era un mondo dove mi sarei sentito bene, dove le persone sarebbero state gentili, dove avrei trovato la tenerezza che speravo di ricevere.
Le mie foto erano come una prova che questo mondo può esistere"
                                                                       Robert Doisneau

 
 

12 commenti:

  1. in attesa di notizie sull'alluvione romano, ti consiglio di andare a vedere una bellissima mostra su VERMEER, alle scuderie del Quirinale.
    chi ci è andato, ha detto che è stupenda..
    buona serata

    RispondiElimina
  2. Grazie per il consiglio. Io ieri sono andato a vedere la mostra di Guttuso al Vittoriano, te la consiglio spassionatamente. Non solo perché è bellissima, ma anche perché è difficile avere un'occasione come questa per vedere tante opere che sono sparse in diverse collezioni private. Un saluto e un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Sulla mostra di Vermeer, pittore che mi piace moltissimo, ho sentito pareri contrastanti perché sono esposti pochissimi quadri.
    Comunque io ci andrò in ogni caso.

    RispondiElimina
  4. @ Gemisto, grazie
    Guttuso è già nella lista delle mostre da vedere ;)
    un saluto

    @ Luigi, Pyperita
    grazie per Vermeer, ho letto anch'io che le opere esposte non sono tante, però pare siano tra quelle più rare, e comunque è affiancato da altri artisti olandesi.. insomma si può fare :)
    ciao!

    RispondiElimina
  5. belle fotografie, il bianco e nero ha ancora il suo fascino.Per Alemanno forse non vuole trovarsi impreparato se per 2 cm di neve ha chiesto la calamità, chissà cosa avrebbe chiesto per un pò d'acqua... intanto si mette all'asciutto sull'arca.

    RispondiElimina
  6. Alluvione questa sconosciuta...

    RispondiElimina
  7. Bellissime le foto di Doisneau, peccato non avere mostre così interessanti vicino a casa mia!

    P.s. I commenti del mio blog restano sempre "nascosti" fino a quando non li approvo, è tutto normale ^.^

    Un bacione, buona settimana! (:

    RispondiElimina
  8. conoscete la storia vera della celebre "Le baiser de l'Hôtel de Ville"?
    http://www.artonweb.it/fotografia/articolo18.htm

    RispondiElimina
  9. @ Enio
    @ Don
    a proposito della tempesta a Roma

    http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=YXRNbWII338

    RispondiElimina
  10. @ Moch
    vero! :)ciao

    @ Vilma
    grazie, bel blog!
    verrò a trovarti, un saluto

    RispondiElimina
  11. Mi piacerebbe vederla... Ho "Il bacio" attaccato al muro da 25 anni...

    RispondiElimina
  12. questo mondo può esistere ? si a tratti .confuso con l'altro maledettamente stronzo.ecco a tratti come dentro una foto- che ferma il momento gentile. e dopo il flash si torna a girare . avvoltoi

    RispondiElimina