lunedì 31 marzo 2014

Renzi, il pifferaio magico (Antonio Padellaro)


Siamo consapevoli che, se passano le “riforme” di Renzi, l’Italia avrà un uomo solo al comando, cioè lui? Abbiamo capito bene che, con la trasformazione del Senato in un ente inutile (lunedì in Consiglio dei ministri), le leggi saranno approvate esclusivamente dalla Camera, senza più la garanzia di una seconda lettura che spesso, nella storia repubblicana, ha evitato pericolosi colpi di mano di questo o quel governo?
È chiaro a tutti che, con la nuova legge elettorale (il cosiddetto Italicum) frutto dell’inciucio tra l’ex sindaco e l’ex Caimano, il partito che vince anche per un solo voto avrà un premio di maggioranza da dittatura parlamentare? Stando a tutti i sondaggi, quella supermaggioranza sarà appannaggio del PR, il Partito di Renzi che avrà nel frattempo trasformato il Pd nel proprio scendiletto (già qualcosa si è visto nel voto bulgaro della Direzione di ieri).
Il turbopremier, a quel punto, potrà far votare dalla Camera qualsiasi cosa desideri: dallo stravolgimento della Costituzione alla “creazione di un sistema autoritario che dà al presidente del Consiglio poteri padronali”. Parole contenute nel documento di Libertà e Giustizia sottoscritto da un gruppo di giuristi e intellettuali tra i più autorevoli e indipendenti (da Zagrebelsky a Urbinati, da Rodotà a Carlassare, Pace, Azzariti, Settis, De Monticelli, Bonsanti) che ha trovato spazio solo sulla prima pagina del nostro giornale. Un silenzio che non può certo sorprendere. Con furbizia fiorentina Renzi sta infatti propinando agli italiani la favola di un taglio netto alla casta dei politici inetti e forchettoni, come se sacrificando gli emolumenti di 315 senatori (mantenendo però le monumentali spese dei relativi uffici) qualcosa potesse cambiare nella voragine dei conti pubblici.
Ma gli italiani, ormai troppo esasperati dalla mala politica, preferiscono credere al pifferaio magico, indifferenti o rassegnati. È difficile andare controvento e pur tuttavia bisogna provarci, perché sono in gioco i fondamenti della nostra democrazia. Possibile che nel Pd e nella sinistra abbiano tutti portato il cervello all’ammasso? Come disse il presidente Scalfaro nel 2006 guidando il fronte del No al referendum che cancellò la controriforma di Berlusconi: “Meglio perdere in piedi che vincere in ginocchio”.
Dal Fatto Quotidiano del 29 marzo 2014

19 commenti:

  1. ma siam poi così sicuri che quei nomi messi tra parantesi appoggiati dai vari partitucoli abbiano fatto qualcosa di utile per il nostro amato bobbolo?
    Prendiamo la legge sulla praivasi, grazie alla quale alcuni di loro ci hanno magnato alla grande (280.000 euri de paga annui) a chi serve se non a consentire alla burocrazia di sopravvivere? Se ci fossero tutti i dati dei CITTADINI on-line un libero cittadino potrebbe ritorcere contro la burocrazia l'onere di adempiere a tutti i loro insulsi adempimenti, basta fornire il proprio codice fiscale.
    Ai cittadini onesti la praivasi non serve, ai ladri nemmeno, perchè sanno tutto delle loro vittime, però fa tanta immagine nelle menti degli acculturati che si pongono alla guida dell'immaginifico bobbolo tajano, sempre cavalcati dai gloriosi partitucoli che li sponsorizzano nell'ottica di circonvenzionare ed affumicare, allora nell'orde castali in cui siam precipitati W renzi o qualsiasi altro dittatorello illuminato quale IO potrei essere, non perdetevi all'uopo il grande Smeriglia
    http://incomaemeglio.blogspot.com/2014/03/374.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra mi stai a diventa decisamente anarchico.. (ce l'hai anche tu coi professoroni come l'amato Matteo, confessa) comunque sulla praivasi concordo
      (grazie per la segnalazione del blog)
      ciao .)

      Elimina
  2. Vogliamo risparmiare sul numero dei parlamentari ma siamo contrari all'abolizione del Senato con senatori (anche a vita) strapagati. Sappiamo che è così, ma almeno si sà di chi è la responsabilità. Prima o poi pagheranno, se non in questo, in un altro mondo e in un altro modo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ever io penso che si debba tagliare il numero e i compensi dei parlamentari di Camera e Senato, ma non tagliare il Senato, che comunque serve a raddrizzare in seconda lettura leggi partite un po' storte.. e per metterci poi quei presidenti di regione che abbiamo ben bene conosciuto!
      sarò conservatrice ma la fretta di MR non mi piace!..
      ciao

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Io ce l'ho tutto molto chiaro, ma quanti siamo a essere consapevoli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. temo non tanti.. la grancassa mediatica suona bene e le poche voci contrarie mediamente zittite,,

      Elimina
  5. Più che il pifferaio Renzi è il Cappone Magico.. MA DOCE E' FINITO IL VECCHIO PCI :..(

    RispondiElimina
  6. ... si sopperisce alla carenza di idee e di progetti con la fretta, senza mai spiegare da dove tragga origine questa benedetta fretta.

    Camosciobianco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. così si da vedere quanto si è bravi no?.....

      Elimina
  7. Vediamo se dopo tanti annunci qualcosa di concreto sarà fatto. Sulle riforme che vuole fare, a parte il Job act, mi trova d'accordo. Vediamo se le porta a termine.

    RispondiElimina
  8. ma come? non era Grillo il pifferaio magico?
    e prima di lui non era Berlusconi?
    ma quanti pifferai ci sino in Italia?????
    io aspetto fiducioso che mandino a casa i mangiapane a tradimento...sarà dura, ma ci deve provare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda, penso che senza Grillo le acque non si sarebbero agitate.. comunque se riesce a mandare a casa che scalda e ben retribuito la poltrona sono contenta

      Elimina
  9. Tutti voi avete seguito tangentopoli, vero? All'inizio, forse anche per la giovene età ho pensato che si era fatta piazza pulita, e tanti anni dovevano passare prima che altri farabutti potessero prendere quel posto. Invece non è stato così, si sono riprodotti quasi subito, anzi molto di più. Quindi, in base alle mie esperienze e penso anche le vostre, il commento che ha lasciato Luigi sui mangiapane a spese nostre non cambia niente, se no per un piccolissimo arco di tempo. Perché? Perché prima di loro siamo sbagliati noi. È vero che questi benedetti 80 euro vengono presi dalla sanità? Quella sanità che fa entrare una ragazzina per un mal di orecchio e la fa uscire dalla camera mortuaria. Oppure quella sanità, che grazia a una legge di Bossi, dal 1 marzo tocca pagare alla regione della Lombardia 15 euro a chi ricorre alla guardia medica, e 20 se questo servizio che dovrebbe essere gratuito viene fatto a domicilio. Poi che succede? Che molti non possono permettersi questa spesa , e ci tocca sentire che una ragazzina, non potendo curarsi una caria,
    tocca prenderla sempre da quella cazzo di camera mortuaria.[GL]

    RispondiElimina
  10. Secondo te Giò, può fare la stessa carriera di Vespa per via dei nei? Cioè, se dovesse fallire rischieremo di vederlo sulle reti della Santa Patria quasi ogni sera....visto che è portato fin dalla giovane età di stare dentro la scatola.[GL]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dunque Barroso è ancora in carica.. finché c'è Ban Ki-Moon la sedia del presidente Onu è occupato.. Francesco è troppo popolare per pensare di spodestarlo.. sì credo che troverà il modo di presenziare parecchio in tv..
      ;)

      Elimina
  11. Non sono un renzieano, un toscanaccio un po' sbruffone, ma abbiamo forse alternative? Per ora osservo e, limitatamente alle proposte che condivido, sto a vedere che accade o non accade e valuterò le resposabilità rese note. Ciaoooo

    RispondiElimina