domenica 15 gennaio 2012

Il mito dell'inaffondabilità


ma anche il caos nei soccorsi...

come può succedere una cosa del genere a poche centinaia di metri dalla riva???



Il Simplicissimus

11 commenti:

  1. http://nheit.splinder.com/15 gennaio 2012 11:07

    sembra una barchetta di carta .di quelle di bimbi.che si poggia sull'acqua della vasca da bagno tranquilla e lei poi si piega su su lato .così. Giova questa nave era a Cagliari circa un mese fa ancorata alla banchina più profonda- splendeva di imponenza ed allegria.ogni passante anche frettoloso si sceglieva l'oblò da cui partire in giro per il gran mediterraneo.

    RispondiElimina
  2. Soprattutto se quello che è successo è attribuibile alla negligenza del comandante che ha cambiato rotta per salutare qualcuno a terra.

    RispondiElimina
  3. Le responsabilità del capitano sono evidenti,se sarà accertato che oltre tutto se n'è andato prima della fine dei soccorsi possibili,hanno fatto bene ad arrestarlo.

    Certo è che la costa crociere ha fatto una bruttissima figura,ma del resto le aziende italiane diffusamente pensano ai guadagni e sulla bontà della sicurezza fanno il minimo indispensabile,incrociando le dita su eventuali disastri,in un altro paese non gli permetterebbero più di navigare nei porti nazionali.

    Buona settimana Gio

    RispondiElimina
  4. è lo sfascio dell'itaja berlusconiana,
    dell'immaginifico spirito bobbolare tajano tutto permeato de leggi ed evasioni delle stesse con piccolo perdono confessionale.
    Di certo una compagnia tedesca, analizza le scatole nere ad ogni viaggio e se vede un fuori rotta estemporaneo e immaginifico, licenzia il comandante, perchè una cosa del genere può portare al fallimento della compagnia, per spese, perdita di clienti e rimborsi danni.
    Non era mica la prima volta che si avvicinava

    RispondiElimina
  5. OT: mi spiace,ma non sono riuscita a capire dove hai inviato email... :(
    non so capire neanche difficoltà commenti...visto che ne ho ricevuti...Quando puoi spiegami e scusami se ho risposto qui...data l'ora, per non disturbare!

    RispondiElimina
  6. Pareva di assistere al film Titanic!! che tristezza questa Italia post berlusconiana.

    RispondiElimina
  7. Vero, da quanto ho capito la tragedia è stata provocata dalla sbruffoneria del Comandante, nonché la sua codarderia. Un elemento triste in più è che tanti a bordo erano persone che in genere non possono permettersele le vacanze e partono "fuori stagione"

    RispondiElimina
  8. Il commento di Luca Scialò mi trova d'accordo. Non è il caso di fare mosse goliardiche e poi starsene a bordo mentre i soccorsi di scarsa efficienza stanno condannando a morte molti sfortunatissimi vacanzieri. L'italia ne esce ancora come una nazione inaffidabile.
    Ti saluto, Giò.

    RispondiElimina
  9. grazie per tutti i commenti
    io non riesco ancora a capacitarmi..
    e, a parte il lutto per i morti, l'incertezza per i dispersi, i danni materiali e il rischio ambientale ancora non scongiurato, penso che l'Italia non meritasse proprio quest'altra brutta figura mondiale
    un saluto

    RispondiElimina
  10. è giusto e commovente come NOI tajani ci facciamo ancora carico dello sfascio della nostra terra decretato dai caporioni che via via si sono succeduti al comando e da NOI liberamente eletti a rappresentarci.
    Un bobbolo di piccoli mafioncelli benefiaciati dal perdono confessionale ed assolti con un semplice baciamano, grazie al quale si salta la meritocrazia e si genera una classe dirigente di incompetenti, arroganti e fiscalisti in voga, ma sempre accorti nel farsi bene i propri cazzi ed arricchirsi affinando le tecniche di depredazione degli altri

    RispondiElimina
  11. http://nheit.splinder.com/18 gennaio 2012 16:25

    NOI tajani ---

    RispondiElimina