giovedì 7 marzo 2013

"Lo scenario è cambiato.."

Stante il perdurare della situazione politica incerta, mi accingevo a scrivere come promesso un post sui miei gatti.... poi ho trovato in rete l'ultima puntata di Zoro - Diego Bianchi che commenta la situazione e fornisce con la solita vena umoristica (ma sempre più amarognola.. è dai tempi di Veltroni che ci spera) qualche elemento in più da dentro il PD per capire perché stiamo come stiamo..


10 commenti:

  1. DONNA

    Nel tuo esserci l'incanto dell'essere,
    La vita, tua storia,
    segnata dal desiderio d'essere
    semplicemente donna!
    Nel tuo corpo ti porti,
    come nessun altro,
    il segreto della vita!
    Nella tua storia
    la macchia dell'indifferenza,
    della discriminazione, dell'oppressione...
    in te l'amore più bello,
    la bellezza più trasparente,
    l'affetto più puro
    che mi fa uomo!....

    Eliomar Ribeiro de Souza
    (poeta brasiliano)

    RispondiElimina
  2. Sta di fatto però che non mi fido nemmeno di Grillo, che vuole sciogliere tutti i partiti e avere il 100% dell'elettorato in parlamento.
    Occhio che l'Italia sta tornando ad essere governata da un dittatore. Attenti.

    RispondiElimina
  3. ma è ancora vivo sto qua????? <:)))
    aspetta che arrivi il Pancho Villa de noatri e poi vedi...

    RispondiElimina
  4. Ho guardato il video...mia moglie e le mie gatte mi son testimoni che quando guardavo gli interventi di Bersani mi mettevo la testa fra le mani e mi lamentavo tristemente..L'unico partito che consideravo "Il meno peggio",stava decisamente perdendo ogni "appeal" e non solo con me...Tutti quelli che votavano Pd da sempre che conosco,erano incerti,e fino all'ultimo hanno avuto dubbi...anche amici e amiche di blog di altre regioni "rosse" non sapevan che fare..Quasi tutti alla fine,controvoglia,come me,han votato PD...ma non si doveva arrivare a questo...Logica la protesta,ma non potrei mai votare per Grillo e il suo socio...Li considero privi di equilibrio e pericolosissimi per il paese e la democrazia...Se gli eletti,riusciranno a sottrarsi alle loro imposizioni date al telefono,o col tablet,e a fare in modo che veramente "uno sia uno" potrebbero dare un grande contributo di miglioramento del paese....Difficile per il momento,la democrazie dentro il M5S..e purtroppo non c'è tantissimo tempo...O fare come il Belgio..andare avanti solo per gli affari correnti..Io ho sempre detestato chi vuole "rigirare il paese come un calzino"..io son convinto che l'Italia possa esser migliorata un po' alla volta,ma distruggere tutto,serve solo a fare macerie..

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo con Evergreen.

    RispondiElimina
  6. IN PEGGIO NON IN MEGLIO....
    POI ADESSO CON IL MOVIMENTO 5 STALLE ALLA CAMERA E AL SENATO... NON FARMICI PENSARE, Abbiamo sì idraulici, elettrotecnici e operai ma abbiamo anche un grandissimo evasore fiscale con la barba grigia.

    RispondiElimina
  7. Gemisto, grazie :)
    è bello che sia un uomo a ricordare l'8 marzo
    (in tante -io di sicuro- saremmo un po' stanche di questa 'festa'..
    ciao

    RispondiElimina
  8. Ever
    Luigi
    Luciano
    Pyperita
    Enly

    io non sono apparentemente 'terrorizzata' come qualcuno di voi dall' 'incognita Grillo', sarà perché leggo quello che scrive sul blog da parecchi anni.
    Certo che il momento attuale è incerto, ma solo perché si è creata questa triangolazione quasi alla pari, PD-Pdl-Grillo +1 Monti, che neanche Napolitano sembra al momento riuscire a sciogliere.
    In qualche modo ne usciremo, speriamo presto.
    Un saluto a tutt@

    RispondiElimina
  9. Grillo mi fa pensare a quei bambini capricciosi,che in cortile,col pallone nuovo,si ostinano a calciarlo contro il muro...E che alla richiesta degli altri bambini, di giocare con lui,lui continui a rispondere :"Il pallone è mio ,e ci faccio quello che mi pare..Tiè.." Certo,che ,dell'infantilismo,di questi tempi,credo che si farebbe volentieri a meno..

    RispondiElimina
  10. ... il problema non è Grillo, quanto chi ha amministrato e governato in nostro nome l'Italia. Definire Grillo come un pericolo per l'Italia è fare il gioco di chi ha, invece, messo in crisi nei fatti lo Stato italiano. Parlando di Grillo si svia l'attenzione da altri argomenti gravi: l'accordo Stato-mafia, la corruzione endemica del sistema politico, la disoccupazione, etc. Capisco che per il PD questa non sconfitta suoni triste, ma proseguire nel dare la colpa ad altri non risolverà niente. Purtroppo è dal 1994 che dura questa manfrina, senza che nessuno senta la necessità di cambiare ...
    Quindi, se vogliamo farci rassicurare da chi ci ha portati nella #erda fino al collo, non lamentiamoci dopo che ci sono troppe tasse o troppi disoccupati.

    camosciobianco

    RispondiElimina