domenica 13 aprile 2014

#12A Roma -Via Veneto, La (poco) dolce vita



Ieri non sono potuta andare per far visita a un'amica in clinica, ma mi sono bastate le immagini dell'articolo del Fatto di ieri, immagini troppo usuali da Genova 2001, a cui però io non riesco a fare l'abitudine.. e vorrei precisare alcun cose.
Dunque il volantino della manifestazione di ieri non parlava solo di senza casa che pure, dato anche l'elevato numero di stranieri presenti, non è basso (di fronte per contro a migliaia di immobili pubbblici e privati sfitti e a nuove costruzioni!!), c'erano anche i precari e i senza reddito o con reddito molto basso, c'erano anche i No Tav e i No Muos, gli uni contro lo spreco di ingenti risorse per un'opera inutile (il treno c'è già, il traffico di merci si è ridotto e gli scavi danneggerebbero chissà per quanto il turismo e la salute della Valle), i secondi contrari alle mega antenne satellitari installate senza tanto né quanto dagli Usa in Sicilia (Niscemi).
Ebbene, una protesta come tante a dire "guardate che ci siamo anche noi" al neonato (per partogenesi..) governo Renzi.
Certo non era una manifestazione dei pensionati ma dei 'movimenti' e si sa anche che in questi cortei si infilano a volte alcuni più agitati degli altri. Solo che da Genova sono passati 13 anni!! e io dico, c'è proprio bisogno di vedere sempre botte e scene di sangue, manganellate alla testa, feriti, ragazzi che proteggono la propria ragazza col proprio corpo?? (grazie Volatutto..)
E' questa la grande 'novità' del nuovo governo?? a me non pare proprio...!!





12 commenti:

  1. Nessuno dei manifestanti di ieri ha una qualche rappresentanza in parlamento, men che meno al governo. Ho paura che le prossime manifestazioni, se ci saranno, saranno represse allo stesso modo. Il nuovo che avanza, del resto, decide tutto lui e ricorda già altri che l'hanno preceduto... E nessuno l'ha eletto.
    Grazie per la visita e la gentilezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te, temo di condividere i tuoi timori..

      Elimina
  2. Anche se avessero avuto dei pseudo rappresentantialgovernoparlamento non sarebbe cambiato niente, anche perché non sono rappresentati dal popolo italiano. Quindi, vai con le mangannellate. Secondo me queste manifestazioni non producono niente di buono. Manifestazioni giornaliere di poche ore creano solo disagi alla città che li ospita. Lo scrivo perché in base alle esperienze passate non hanno avuto nessun effetto positivo. Una vera manifestazione, adesso, deve essere guidata dal popolo e durare nel tempo. Sono convinto che si potrebbe rimanere a casa tranquillamente, oppure come ha fatto giò, andare a fare visita ad una amica bisognosa. È stata più utile la sua visita di tutta l'enessima manifestazione, dove, chi ha organizzato l'enessimo evento negativo, il giorno dopo si contano i feriti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma guarda.. negli anni le manganellate sono venute da destra e ora vengono da questa pseudo sinistra, diciamo che il 'sistema' sebbene forte, cerca di difendersi da un qualsivoglia attacco.. Anch'io sono pacifista in principio, ma vai un po' a convincere uno sfrattato o un nullatenente che deve pazientare e pazientare ancora.. (quando poi legge tutto quello che legge)..
      A dirtela tutta, io concordo un po' con Grillo quando dice che il suo movimento ha evitato guai peggiori.. per ora...
      ciao

      Elimina
  3. non è cambiato nulla...e come sempre, per colpa di quattro deficienti mascherati, è degenerato tutto...c'è niente da fare, le minoranze violente riescono sempre a creare solo disordini e caos, cioè ciò che vogliono..
    mi son sempre domandato chi ci sia dietro ste frange di mascalzoni...

    RispondiElimina
  4. el bobbolo, in democrazia, ha solo un'occasione per poter esercitare il suo consenso o dissenso e chiunque, più o meno acculturato, può farlo.
    Ora, dico io, quando nella grande calma piatta sorge una voce che almeno promette al bobbolo la soddisfazione de mannalli tutti affa e poi dopo si vedrà, appare quanto mai strano in questi tempi di grande difficoltà e rapina legalizzata che raccolga solamente il 20% dei consensi

    RispondiElimina
  5. Purtroppo esiste una differenza tra il manifestare e fare guerriglia. Rimpiango i tempi del PCI che con il suo servizio d'ordine faceva in modo che certi cortei fossero ipercontrollati in modo da non dare il prestesto per reazioni, sicuramente a volte ben sotto la soglia del comprensibile e totalmente indifendibili, tanto da far dire "è un cretino" al capo della polizia.

    Ma di contro non si può accettare il comportamento dei blu (ex-black) bloc, nè quello del cretino che si è portato un petardo e ci ha rimesso un po' di falangi (e mi viene da dire meglio lui che chiunque gli fosse vicino). Perchè poi la violenza inevitabilmente chiama la violenza :-(

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. quoto Old Man anch'io, il servizio d'ordine di allora era serio, bisogna dire che il PCI era bello grosso, anzi il PCI -e il sindacato- erano, punto ..
      adesso ognuno va un po' per i calcoli suoi, la divisione impera, ovunque..
      e i benpensanti (magari benestanti.. ) intimoriti... ma neanche più di tanto. Roma del resto alle manifestazioni è abituata, qualche negoziante può abbassare le saracinesche per un po'..
      Quello che conta sarebbe mostrare un po' di ascolto, dare qualche (piccola..) risposta concreta e non fare muro contro muro..
      Ma i numeri sulla disoccupazione giovanile li conosciamo no?
      per me anzi i giovani sono pure troppo responsabili e pazienti..

      Elimina
    2. I numeri della disoccupazione (non solo giovanile) sono terribili, ma temo si averamente difficile dare delle risposte concrete. La mia personale opinione è che bisognerebbe lavorare sulla forbice che si è creata tra ricchi e poveri, ma non so cosa, non mene intendo. Di certo parte della crisi, parte della economia stagnante, è legata proprio al fatto che la ricchezza in italia è meno distribuita e quindi c'è meno gente che può spendere per far girare l'economia, Ma probabilmente ilmio è un discorso troppo semplicistico.

      Elimina
    3. non è semplicistico il tuo discorso, è la realtà! non solo in Italia, dove il 10% possiede quasi il 50% delle ricchezze, ma anche nel mondo..
      questo una volta si chiamava capitalismo.. ma si sa usare la parola 'sinistra' fa tanto obsoleto.,.
      però poi non bisogna lamentarsi se qualcuno s'incazza..
      ciao

      Elimina
  7. Ma se il 90% le lo permette non si può fare niente. Meno dell'1% possiede grandi ricchezze e il rimanente 9,... gira intorno a quel scarso 1%. Sai giò, è sempre stato così, non solo adesso, ma tutto inizio tanti secoli fa. Quindi, lo trovo difficile che si possa cambiare tanto velocemente. Quando arriverà quel giorno, noi ma neanche i nostri figli riusciremo a vederlo. Piccoli passi, sennò ci si rovina la salute inutilmente...

    RispondiElimina