venerdì 11 gennaio 2013

Il Fmi: sorry, ci siamo sbagliati

CRACK MONDIALE - «I nostri piani di austerità sono un danno per l'economia e l'occupazione» Imposti a mezza Ue non funzionano e non rimettono a posto il rapporto tra debito pubblico e Pil.
 
«Uno stupefacente mea culpa da parte del capo economista del Fondo Monetario Internazionale». Non lascia spazio a dubbi il titolo dell'articolo pubblicato la scorsa settimana dal Washington Post. Cos'è successo? In buona sostanza uno studio appena pubblicato dal Fmi riconosce che i piani di austerità proposti, o meglio imposti, a mezza Europa negli ultimi anni sono un danno per l'economia e l'occupazione. Peggio ancora, non funzionano nemmeno per rimettere a posto i conti pubblici, ovvero per diminuire il famigerato rapporto tra debito pubblico e Pil, vero e proprio faro che guida le scelte politiche di tutti i Paesi occidentali.

Cerchiamo di capire meglio. Dimentichiamoci per un momento che la crisi è stata causata da una gigantesca finanza privata fuori controllo, e non certo dalla finanza pubblica. Ammettiamo che siano adesso gli Stati a dovere rimettere a posto i conti pubblici, e non delle banche private sommerse di titoli tossici e che continuano a lavorare con leve finanziarie degne di avventurieri da casinò. Supponiamo anche che lo stato di salute di un Paese vada valutato in base al rapporto tra debito pubblico e Pil e non al benessere dei cittadini o al tasso di disoccupazione, tanto per fare un paio di esempi. ... (segue su Il Manifesto)
 
(N.d.r: ci sono alcune eccezioni nel mondo femminile in cui dimentico il femminismo e la Lagarde è una di queste. Una volta finito di leggere, siete autorizzati a lasciare nei commenti il vostro vaffanculo agli economisti del FMI e chi li rappresenta).

9 commenti:

  1. vaffanculo FMI. Però la crisi è molto più seria di come scrive il Manifesto. Purtroppo.
    I danni chi li paga?

    RispondiElimina
  2. ci tolgono o denti ad uno ad uno.
    mangeremo zuppa o pan bagnato.

    RispondiElimina
  3. tutto questo ed anghe molto antro di più prossimamente su
    rieducascional ciannel
    NOI COMUNQUE CONTINUIAMO AD ESERCITARCI FIDUCIOSI NELLE PROSSIME EREZIONI

    RispondiElimina
  4. Sì. Mi fa sorridere molto il fatto che il FMI internazionale abbia impoverito l'Africa per decenni e si accorga solo ora che forse le sue politiche sono dannose.
    Ma anche noi tutti, se ci ragioniamo un secondo non siamo stati del tutto onesti. 10-12 anni fa erano solo i tanto disprezzati no global a parlare di debito e di economia sostenibile, parlando di Terzo Mondo, però non importava a nessuno. Ora che il debito è un problema anche nostro, siamo tutti scandalizzati. Ma in fin dei conti Carlo Giuliani e i ragazzi della Diaz, contro questo protestavano...
    Buffa l'informazione, eh?

    RispondiElimina
  5. Vabbe' dai, ormai non mi ci diverto nemmeno più a parlar male di certa gente. Il FMI avrebbero dovuto chiuderlo nel momento stesso in cui Nixon interruppe al convertibilità in oro del dollaro. Ti propongo un link interessante, è il parere di Amartya Sen sul FMI. Dato che ci sei, leggi anche quello di Noam Chomsky.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Fondo_Monetario_Internazionale#L.27opinione_di_Amartya_Sen

    RispondiElimina
  6. il pd ha snobbato i no global... e chiede a monti da fargli da stampella... maddai, vaffanculo assieme alla FMI.
    (da non confondere con la Federazione Motociclistica Italiana!)

    RispondiElimina
  7. bhè, in realtà la notizia è un pò vecchiotta... credo risalga almeno a novembre.
    hanno sbagliato a fare i conti, 'sti imbecilli! peccato che dalla loro ammissione, pochi si siano spostati dall'idea dell'austerity...

    RispondiElimina
  8. @NantalieFinch: Noam mi porta off topic rispetto all'argomento del post, ma mi torna sempre in mente in tempi come questi. Quando si avvicinano le elezioni mi vado sempre a rilegere la sua teoria della manipolazione.

    RispondiElimina